Napoli Musica Sacra Festival 2023

Napoli Musica Sacra Festival 2023

Napoli Musica Sacra Festival: sette concerti gratuiti a Napoli dal 3 al 26 novembre 2023

Napoli Musica Sacra Festival, la rassegna musicale gratuita, è in programma a Napoli dal 3 al 26 novembre 2023.

Napoli Musica Sacra Festival 2023

Dal 3 al 26 novembre 2023 le chiese di Napoli ospiteranno sette concerti per il Napoli Musica sacra Festival, la manifestazione – giunta alla seconda edizione – ideata dal maestro Luigi Grima e realizzato dal Comune di Napoli in collaborazione con l’Arcidiocesi di Napoli e l’associazione Discantus.

Sette concerti per sette chiese, sette gioielli musicali che risuoneranno tra le
navate di quei luoghi che hanno assistito alla loro nascita. Un Festival unico, che
ripercorre – con rigore scientifico e estro ideativo – pagine della gloriosa Scuola
Musicale Napoletana, affidate all’esecuzione di illustri interpreti del panorama
musicale internazionale.

Napoli Musica Sacra Festival 2023: il programma

Venerdì 3 Novembre

Si parte venerdì 3 novembre (ore 20.00) con il Requiem pro Defunctis di Domenico
Cimarosa cui farà da cassa di risonanza la Pontificia Basilica di San Giacomo.
Scritta a San Pietroburgo in occasione della improvvisa scomparsa della moglie del
duca Antonio Maresca di Serracapriola su impulso della zarina Caterina II, il capolavoro di Cimarosa, autore particolarmente ammirato da Stendhal e Goethe, si caratterizza per l’elegante cantabilità, la freschezza delle melodie e la raffinata sensibilità timbrica.

Interpreti Valentina Varriale (soprano) Candida Guida (contralto) Stefano Sorrentino
(tenore) Francesco Auriemma (basso). Luigi Grima sarà sul podio dell’Orchestra
Discantus e del Coro Vocalia.

Sabato 11 Novembre

Sabato 11 (ore 19.30) le navate della Chiesa di San Ferdinando ospiteranno il
secondo concerto dal titolo Mater. Capolavori a confronto quali il Salve Regina di
Alessandro Scarlatti e quello, insieme allo Stabat Mater, di Giovanni Battista
Pergolesi. Composti nel 1733 i capolavori di Pergolesi si contrappongono alle
composizioni sacre di Scarlatti per modernità di linguaggio e per l’ispirazione più
intimista ancora sconosciuta al celebre musicista siciliano.

Interpreti il soprano Daniela Cappiello e il mezzosoprano Josè Maria Lo Monaco. Luigi Grima dirige la Scarlatti Baroque Sinfonietta.

Domenica 12 Novembre

Domenica 12 novembre (ore 18.30) la Chiesa dei SS. Filippo e Giacomo si farà
teatro dell’appuntamento dal titolo Ad Majorem dei Gloriam. Il Collegium vocale et
instrumentale “Nova Ars Cantandi” diretto da Giovanni Acciai eseguiranno di
Donato Ricchezza lo Stabat Mater Dolorosa, e di Leonardo Leo il Miserere Mei,
Deus, prime esecuzioni in epoca contemporanea nell’edizione critica dello stesso
Acciai. Contraddistinto da uno stile contrappuntistico nelle parti corali e da unì melodismo elegante in quelle solistiche, lo Stabat di Ricchezza si interfaccia con il
Miserere di Leo che dal suo canto segue uno stile moderno e concertato.

Sabato 18 Novembre

Sacrae Cantiones è il titolo dell’appuntamento di sabato 18 (ore 19.30) nella Chiesa
di San Giovanni a Carbonara
, una sorta di omaggio alla produzione sacra di Carlo
Gesualdo dove balza subito la maestria tecnica e il forte pathos che il Principe di
Venosa infonde nelle sue polifonie. Il Pomo d’Oro sarà diretto da Giuseppe Maletto.
Antonio Florio e la Cappella Neapolitana, insieme con il soprano Valentina Varriale
saranno i protagonisti nella Chiesa di Santa Caterina a Formiello (domenica 19 ore
18.30) del concerto dal tema Napoletani alle Corti d’Europa. Le musiche di Antonio
Duni, Davide Perez, Niccolò Jommelli, musicisti tra i più celebri della Scuola
Napoletana, impaginano il programma, in un continuo rimando di confronti delle comuni abilità contrappuntistiche e di scrittura vocale.

Sabato 25 Novembre

Nella Missa Solemnis celebrata da Monsignor Vincenzo De Gregorio nella Chiesa
della SS. Trinità dei Pellegrini
(sabato 25 ore 19.30) il Coro Mysterium Vocis diretto
da Rosario Totaro con Sossio Capasso all’organo si faranno interpreti della
produzione liturgica di Francesco Durante, di Alessandro e Domenico Scarlatti. Un
continuo interscambio stilistico degli autori tra lo “stile antico” di derivazione
palestriniana e nuove armonie, con una rara testimonianza di musica sacra composta
da Domenico Scarlatti con il suo salmo Laetatus sum.

Domenica 26 Novembre

Serata conclusiva domenica 26 novembre nella Basilica del Gesù Vecchio. Ad
accogliere il pubblico sarà un concerto dal suggestivo titolo Tenebrae con una prima
esecuzione in epoca contemporanea di splendide pagine del compositore maltese
Girolamo Abos. Rappresentante di spicco della scuola napoletana settecentesca, fu
compositore raffinato e sapiente contrappuntista. Un concerto che si preannuncia di
forte impatto in quanto verranno riproposte, in un’atmosfera solenne e riflessiva, due
Lamentazioni per il Giovedì Santo composte proprio a Napoli da Girolamo Abos.

Contatti

Per maggiori informazioni puoi chiamare al +39 3389473127 o scrivere una mail a info@napolimusicasacrafestival.it.

Seguimi sui miei canali Social

 

5,0 / 5
Grazie per aver votato!