Stazioni dell’Arte a Napoli: la guida completa

Circondato dall’arte senza metter piede in un classico museo? Puoi vivere quest’esperienza visitando le Stazioni dell’Arte della Metropolitana di Napoli.

Visitare Napoli senza perdersi nulla delle sue bellezze non è semplice. Ci sono alcune cose, però, a cui non si può proprio rinunciare: la vera pizza napoletana o le meraviglie della Napoli sotterranea

Non ci riferiamo solo alla città nel sottosuolo che risale al III secolo a.C., ma anche delle opere più recenti e altrettanto affascinanti: oggi ti portiamo alla scoperta delle Stazioni dell’Arte della Metropolitana, fiore all’occhiello dei trasporti partenopei.

Impara l’arte… sulla metro, tutti i giorni

Le Stazioni dell’Arte, 15 fermate della metro napoletana, sono state progettate e realizzate con un raffinato gusto estetico. Funzionalità e bellezza l’una accanto all’altra: prendere questa metropolitana vuol dire entrare in un museo diverso a ogni fermata, e non solo spostarsi da una parte all’altra della città.

Le stazioni, progettate da architetti di fama internazionale, ospitano infatti circa 200 opere d’arte contemporanea e rappresentano un vero e proprio museo suburbano, che puoi “visitare” quando preferisci, anche semplicemente spostandoti per raggiungere la tua meta finale in città.

È un’esperienza che vale più del prezzo di una corsa, ed è anche il complemento ideale a un itinerario di superficie che ti suggerisca cosa fare a Napoli tra caffè, babà, e pizze a portafoglio! Ma vediamo alcune delle principali stazioni.

Garibaldi, la luce in fondo al tunnel

Sempre scale mobili ma sospese, sono protagoniste della stazione Garibaldi, progettata dall’architetto francese Dominique Perrault. È una delle stazioni più luminose perché le pareti in vetro permettono alla luce del sole di raggiungere quasi la banchina, a 40 metri sotto il livello del suolo.

Interno della stazione della metropolitana Garibaldi.

Stazione Duomo, il progetto di Fuksas

La stazione Duomo porta la firma di Massimiliano e Doriana Fuksas, che hanno curato anche il restyling della soprastante piazza Nicola Amore, all’incrocio tra via Duomo e corso Umberto I.

Lo stile giovane di Università

Tra le stazioni che raccontano di più la contemporaneità e l’onnipresenza del digitale, c’è invece Università: ti ritroverai in mezzo a tante parole diventate di uso comune solo negli ultimi decenni, come softwareinterfaccia o virtuale, scritte in verde e in rosa sulle pareti rivestite in ceramica e ornate da disegni caleidoscopici.

Interno della stazione della metropolitana Università.

Toledo, nel ventre di Napoli

La stazione più nota e suggestiva, celebrata anche dal Daily Telegraph e dalla CNNè Toledo. Il progetto dell’architetto Oscar Tusquets Blanca ha coinvolto sia il sottosuolo che la superficie, rinnovando tutta l’area che circonda una delle vie più importanti di Napoli, appunto via Toledo.

Metropolitana di Toledo a Napoli.

Il fascino di questa stazione è dovuto soprattutto alle pareti del livello più interrato, rivestite da mosaici azzurri tanto più intensi quanto più si scende, e al Crater de luz, un cono che attraversa tutti i livelli della stazione anch’esso mosaicato e corredato da luci a led azzurre.

Non meno affascinante è la stazione Dante, firmata da Gae Aulenti. Chi ha un po’ di memoria scolastica di Dante, noterà subito i versi del Convivio, scritti con tubi di neon a luce bianca per opera dell’artista concettuale Joseph Kosuth.

Dante: i classici visti dai contemporanei

Particolare della stazione della metropolitana Dante.

La discesa alle banchine, a quaranta metri di profondità, si sviluppa attraverso un percorso caratterizzato da geometrie esagonali intagliate nei rivestimenti di acciaio retroilluminate con tecnologia Led multicolore. “È come una passeggiata lungo le ore della giornata – commenta ancora Fuksas – i colori cambiano, si va dal celeste chiaro all’arancio del tramonto e oltre, alla notte. È quasi la passeggiata di un astronauta che vede la terra dalla luna e osserva le fasi del giorno che si susseguono”.

Forme e colori di Salvator Rosa

La stazione Salvator Rosa è invece una fusione di gioco, arte antica e architettura moderna. L’eclettico complesso è infatti composto da un parco in superficie nel quale convivono, per esempio, i resti di un ponte romano e una cappella neoclassica; più ci si addentra e più l’architettura diventa futuristica, passando dai marmi dorati dell’ingresso all’acciaio dei tunnel e delle scale mobili sotterranee.

Estero della stazione della metropolitana Salvator Rosa.

A Napoli con Italo

Vuoi un weekend all’insegna dell’arte, delle sorprese, della veracità? Ti basterà prendere uno dei tanti treni per Napoli da Torino, Milano, Venezia, Verona, Bologna, Firenze, Roma e Salerno.

Questa città eclettica e con un’identità unica al mondo è pronta ad accoglierti per un’esperienza senza pari, da cima a fondo (letteralmente!).

Fonte: Italo.it

Booking.com

5,0 / 5
Grazie per aver votato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.